Containment: The Zombie Puzzler – Non morti avariati

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Buffer this page

Gli zombi sono ovunque ormai: letteratura, film, telefilm, fumetti (Marvel Zombies!) e chiaramente i videogiochi non ne possono essere esenti. Senza perdersi in profonde analisi filosofiche, Containment: The Zombie Puzzler offre la sua versione puzzle del problema non morto che ci distruggerà tutti tra poco meno di 9 mesi.

Ammetto di essere stato preso con l’inganno da questo gioco, inizialmente pensavo fosse più simile a Might & Magic: Clash of Heroes. Sarà stata la visuale e il movimento a “cascata”, sarà stato il vedere lo spostamento di unità per formare delle combo, ma mi ero fatto un’idea totalmente diversa di questo giochillo targato Bootsnake Games. Il gameplay a rompicapo prevede una semplice regola: accerchia gli zombi e derivati con un particolare tipo di unità e sopravvivi. Come potete vedere nell’immagine del paragrafo, il sistema diretto per far fuori i non morti è quello di collocare un determinato tipo di unità (ce ne sono quattro: poliziotti, soldati, punk e scienziati) ai quattro lati del nemico, o dei nemici, da far saltare in aria. Un click continuo, insomma, per spostare la gente in tempo prima che la piaga si allarghi. Non abbiamo capito se la diffusione del gene malato sia dovuta al tempo trascorso o agli spostamenti compiuti, ma l’imperativo fondamentale di questo gioco è uno solo: siate veloci.

ContainmentSlide1

La campagna principale è costituita da 3 atti divisi in 5 capitoli ciascuno. Ogni capitolo prevede una successione di quadri (variabile per capitolo) che si dovranno completare per sbloccare il capitolo successivo. Niente salvataggi intermedi, ma soprattutto niente linearità di gioco: la disposizione delle pedine è sempre casuale e questo dona un certo tocco d’imprevedibilità all’intero gioco. Come aiuto alla nostra fuga potremo contare su alcuni oggetti da utilizzare per falciare gli zombi. Infatti, in base alle combinazioni di unità riceveremo bombe a mano, bombardamenti aerei, lavatrici volanti, molotov e qualche altro strampalato oggetto per eliminare i nostri avversari. Un aiuto a volte fondamentale, soprattutto nei casi in cui i nemici schierano le unità più forti (che non riveliamo per lasciarvi quel poco di sorpresa che Containment offre). La campagna scorre veloce, ma oltre a questa, narrata come se fosse una cronaca… frettolosa, il gioco ha ben poco da offrire, se non due modalità Survival, una da 20 livelli con zombi semplici e una da 10 con i pezzi grossi.

ContainmentSlide2

Il più grande difetto di Containment è proprio questo: non ci sono grandi contenuti e il tutto si completa in circa tre orette… in cinque se proprio volete ottenere tutti gli achievement (i più complessi si basano sulla quantità di zombi da uccidere…). Alla fine si tratta, né più né meno, di un gioco dall’anima di applicazione per tablet e smartphone (lo trovate su Steam e su iTunes) , e purtroppo ci si rende conto di ciò abbastanza in fretta, soprattutto per via di un sistema di controllo a volte un po’ confusionario considerato l’affollamento a schermo; più volte abbiamo spostato un personaggio in una posizione indesiderata vedendocene sbranare un altro… È un passatempo carino eh, ma nulla più, nonostante gli sviluppatori sembrino essere abbastanza veloci nel correggere e migliorare la situazione. Buono per sessioni veloci (anche se i capitoli dell’ultimo atto sono un po’ più lunghi) e forse, anche per questo, il prezzo contenuto lo identifica più come filler che come must have.

ContainmentSlide3

5 / 10

Containment: The Zombie Puzzler è un puzzle game semplice, veloce e abbastanza carente sul piano di contenuti. Imprevedibile e un po’ meh, vi terrà compagnia per poco tempo, anche per via della sua natura da applicazione per dispositivi portatili.

[Containment: The Zombie Puzzler su Steam]

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Buffer this page