Clash Of DLCs: Trine 2 + Orcs Must Die! 2

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Buffer this page

Oggi abbiamo voglia di esagerare: non uno, non due, ma ben tre DLC commentati solo per voi!  Agli sviluppatori pare paicere sta nuova tendenza a fare mini pacchetti, quindi ve li raggruppiamo quando possibile!

KelvanTrine 2: Goblin Menace

Ormai avete imparato a conoscermi, amo Frozenbyte (sono pure riuscito a recuperare gli Shadowgrounds) e pendo dalle loro labbra per ogni annuncio che riguardi la saga di Trine. Di un’ipotetica espansione se ne parlava già all’uscita di Trine 2, quindi in silenzio ho atteso, nell’ombra, fino a oggi. Goblin Menace è uscito quasi all’improvviso e quindi non potevo esimermi dal dire la mia.

Inizio subito dicendo che si tratta di una nuova mini campagna, 6 quadri divisi per ambientazioni assolutamente fantastiche, così come siamo stati viziati. È possibile che Frozenbyte riesca a stupire ancora? Sì, è assolutamente possibile e, anzi, sembra quasi che il livello di dettagli, animazioni e profondità sia superiore rispetto a quello di Trine 2. Non chiedetemi in che modo, ma è come se avessero concentrato il meglio del meglio in questa piccola offerta di gioco aggiuntivo. La campagna goblinoide è stata ideata per essere giocata dopo il gioco base, ma la carrellata di nuove abilità sarà disponibile da subito per ogni giocatore che voglia riaffrontare la campagna principale. Alcune di queste sono effettivamente un po’ sgrave, ma in fondo tutto dipende dall’utilizzo che se ne fa. Avremo, per esempio, il buon Pontius che plana grazie al suo scudo (fa molto Capitan America), la sgnocc… ehm affascinante Zoya che si riparerà creando una barriera e Amodeus che bloccherà i nemici all’interno delle sue creazioni, rivelandosi un po’ più utile negli scontri.

L'ambientazione desertica è veramente esotica e intrigante!

L’ambientazione desertica è veramente esotica e intrigante!

Il level design, sempre molto accattivante, mi è sembrato un po’ meno articolato, forse un punto sotto rispetto al gioco originale, ma parliamo pur sempre di Trine. Inoltre, per evitare problemi di compatibilità online, chi non possiede l’espansione potrà comunque giocare insieme a chi l’ha acquistata durante la campagna principale. Che altro aggiungere… un po’ more of the same? Direi di sì, sempre considerando che stiamo parlando di un gioco fantastico. Anche il prezzo di vendita, 6,99 euri, si attesta nella media dei DLC accattivanti: né pochi euro per un’offerta minima (Magicka), né i soliti eccessi, il prezzo giusto per un contenuto aggiuntivo stuzzicante.

Non so a voi, ma a me lascia a bocca aperta...

Non so a voi, ma a me lascia a bocca aperta…

8 / 10

Consigliato a: chi adora la saga e ha chiaramente il gioco base, chi ha intenzione di prendere la Collection (non ve ne pentirete) e chi vuole altra bamba per il platform più fiabesco e sbrilluccicoso di sempre.

Sconsigliato a: tutti gli hater che apprezzano il gioco ma non devono ammetterlo e chi non ha apprezzato veramente il gameplay dei giochi originali.

[Trine 2: Goblin Menace su Steam]

FabioOrcs Must Die! 2 Fire & Water + Family Ties

I due DLC di Orcs Must Die!2 seguono una filosofia ben chiara: aggiungere materiale al giù nutritissimo arsenale del gioco base. La cosa, infatti, crea un po’ di confusione all’inizio, in fase di individuazione delle nuove macchine di morte. Il numero raggiunto dalle varianti di trappole è clamoroso e si attesta a più di una trentina, l’impatto con il grimorio aggiornato è quasi atterrente: è vero che un numero così alto di possibilità permette di giorstrarsi il gameplay in talmente tanti modi da renderlo infinito, ma il numero di teschi a disposizione del giocatore non permette mai di soddisfare la fame di morte che quei gingilli sembrano suggerire. Per fortuna è possibile, di volta in volta, chiedere il rimborso dei teschi e sperimentare le nuove armi.
Le novità principali aggiunte dai DLC sono: nuovi nemici, tre mappe per ogni pacchetto aggiuntivo, una manciata di nuove trappole e armi a disposizione dell’eroe e nuove modalità endless.

Orcs2DLC1

Le mappe aggiunte in Fire & Water, sembrano suggerire un approccio multiplayer all’espansione, che evidentemente è stata pensata con un occhio di riguardo al gioco in cooperativa. Un solo giocatore fa fatica a coprire le invasioni degli orchetti che spesso e volentieri arrivano da due punti opposti della mappa. La difficoltà aumenta ulteriormente per colpa dei nuovi nemici: gli elementali del fuoco e dell’acqua che aggiungono delle varianti piuttosto interessanti al gioco. Gli elementali di fuoco si dividono, una volta sconfitti, in nemici più deboli, un po’ come succedeva con i colossi di terra della versione base. Quelli di acqua, al contrario, nascono piccolini e si uniscono fino a formare un temibile Signore dell’acqua.
In generale le mappe sono ben pensate (a patto che si abbia qualcuno con cui giocarle!), e le aggiunte gradite. Però, tra le due espansioni, è certamente quella che mi ha convinto di meno.

Orcs2DLC2

Family Ties, invece mette in campo novità ben più succose. Innanzitutto con l’inserimento dei goblin healer (quei grandissimi figlidiputt) che praticamente rendono vane le vostre mazzate e i percorsi organizzati in modo certosino tra le vostre trappole, e poi per l’inserimento dell’arma più cool del secolo: il bastone di roccia. I livelli inseriti da Family Ties presentano ondate nutritissime di orchetti, accompagnati da guaritori che vi costringono ad aggirare le linee frontali dei nemici per eliminare dapprima i goblin. Pena? Ondate infinite dove l’unico a crepare è il nostro personaggio. Il potere di questi piccoli nemici è talmente elevato da renderli istantaneamente gli avversari più pericolosi del gioco. A soccorrerci, il bastone che menzionavo prima in grado di pietrificare istantaneamente intere legioni di nemici per permetterci di passare tranquillamente ed eliminare, in fretta, davvero in fretta, i guaritori. Il tutto aggiunge una nuova dimensione al gioco; un modo di giocare diverso.

Orcs2DLC3

Ora, considerando che i due boost pack non sono proprio economici (cinque euro l’uno), se proprio dovessi consigliarvene uno mi butterei, senza nessuna esitazione, sul secondo: Family Ties. In generale aggiungono ore di gioco piuttosto impegnativo su tutti i fronti. Il mio consiglio è di beccarli insieme con uno dei prossimi sconti e preoccuparsi di studiare per bene la propria tecnica (e ripassare l’equipaggiamento!) prima di affrontarli.

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Buffer this page